1 0
Read Time:2 Minute, 54 Second

Priva del Chacho Rodriguez, rimasto a Milano per non meglio precisati motivi personali,e degli infortunati Brooks e Micov la AX ARMANI si presenta a Villeurbanne per infilare la settima vittoria di fila, cercando di approfittare degli scivoloni di Barca e CSKA nelle partite di ieri.
Trova un Asvel in piena fiducia, reduce da vittorie importanti e lanciato verso la zona playoff, per una partita niente affatto semplice, anzi molto più insidiosa di quanto dica la classifica.
Inizia forte la difesa milanese, forza due perse ai francesi, che sbagliano anche da sotto ; ma Yabusele trascina i suoi, Diot regala lampi di classe, prima che uno Shields chirurgico scriva 10 per il vantaggio di Milano, 20 a 23.

Notevole il duello tra gli ex Trento Shields e Lighty, notevole la potenza fisica esuberante dei francesi in una gara giocata con grande intensità e velocità.
È sempre la grande difesa di Milano a dettare il ritmo del gioco, Tarczewski regge l’impatto di Fall e la transizione milanese non perdona i mancati accoppiamenti dei francesi per il più 6 Olimpia; ma l’attacco in velocità dell’Asvel tiene il passo in un sostanziale equilibrio che viene spezzato solo da grandi giocate personali.
A fare la differenza sono le piccole cose che Milano fa bene, è la concentrazione in difesa ed in attacco, che prevale sulla maggiore fisicità dei francesi, per una chiusura di quarto sul 37 a 40.

È l’Olimpia che esce meglio dallo spogliatoio, impone la sua forza difensiva e Shields firma il più 10 sul 39 a 49, trovando anche la maniera di contenere gli sforzi di rimonta dei francesi ; ma due giocate di energia di Yabusele riportano in scia i francesi sul 47 a 51 e costringono Messina al time out, per cercare di arginare lo sforzo in rimonta francese che conta anche su una buonissima percentuale da due.
Sul finire del quarto una tripla di Roll fissa
il vantaggio milanese al più quattro sul 52 a 56, per entrare in un ultimo quarto giocato sul filo dell’equilibrio.
Cole si infiamma, porta i suoi a piu uno, con penetrazioni e triple, per il primo vantaggio Asvel da lungo tempo, ma poi una tripla siderale di Howard e Lighty danno il più 6 ai francesi, che in questo momento stanno imponendo la loro fisicità e la loro velocità.
Milano sembra in rottura, sembra non averne più e l’ennesima tripla di Lighty fissa il più 9 Asvel, che diventa addirittura più 12 prima che Delaney dalla linea della carità fissi il 78 a 69 definitivo per i francesi.
Un ultimo quarto deficitario per l’AX Milano, con un parziale di 26 a 13 che racconta di una squadra che è andata in riserva di energia, non è riuscita a sviluppare il suo gioco ed alla fine ha sofferto in difesa contro la maggior fisicità e freschezza atletica dei francesi.

Una sconfitta che non pregiudica nulla, in una stagione sempre altamente positiva, ma che deve necessariamente far riflettere sulla gestione dei carichi su una squadra con molti veterani e che tra covid19 ed infortuni ha un infermeria sempre affollata, e che per questo può andare incontro ad episodi come quello di stasera.
Va riconosciuto il valore dell’Asvel, alla quinta vittoria in fila, e che ha saputo restare sempre attaccata alla partita per poi colpire con decisione nell’ultimo quarto e portare a casa l’intera posta, proseguendo nella corsa verso quei playoff che potrebbero essere alla loro portata, e che quanto visto stasera non li vedrebbero certo sfigurare

Happy

Happy

0 %

Sad

Sad
0 %

Excited

Excited
0 %

Sleepy

Sleepy

0 %

Angry

Angry
100 %

Surprise

Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Rispondi