Il Barca, una corazzata non più irresistibile.

0 0
Read Time:6 Minute, 14 Second

Dopo una regular season trionfale il Barca, avversario dell’AX Armani nella semifinale di Colonia sembrava destinato al ruolo di corazzata inaffondabile di questa Eurolega, forte di un roster di altissima qualità e di una lunghezza quasi infinita, con l’aggiunta del totem Pau Gasol. La realtà che invece è emersa dalla serie con lo Zenit è che questo Barca ha rischiato di far naufragio nonostante una evidente superiorità tecnica ed atletica, finendo per passare il turno in gara 5 , questa sì dominata, ma dopo aver perso subito il fattore campo in gara 1, vincendo gara 2 al supplementare solo in virtù di una panchina gonfia di uomini di talento, vincendo gara 3 ma andando sotto clamorosamente in gara 4 grazie ad una prestazione monstre di Pangos ed alle indovinate strategie di coach Xavi Pascual.

After a triumphant regular season, Barca, an opponent of AX Armani in the semi-final in Cologne, seemed destined for the role of unsinkable battleship of this Euroleague, thanks to a roster of the highest quality and an almost infinite length, with the addition of the Pau Gasol totem. . The reality that instead emerged from the series with Zenit is that this Barca risked shipwreck despite an evident technical and athletic superiority, ending up passing the round in race 5, this yes dominated, but after immediately losing the field factor in race 1, winning race 2 in extra time only by virtue of a bench swollen with talented men, winning race 3 but going down dramatically in race 4 thanks to a monstre performance by Pangos and the guessed strategies of coach Xavi Pascual.

Qui sta il primo punto scoperto dei catalani, che hanno molto sofferto le trappole dei russi, con lo stesso coach Jasikievicius che a volte sembrava letteralmente portato a scuola dal suo collega; ma quello che in una serie può avere rimedio non perdona in una partita secca quale la semifinale, dove non c’è tempo per sbagliare due volte di fila, e dove la maggiore esperienza di Messina può essere un fattore determinante. Anche sotto il profilo del rendimento dei singoli i playoff hanno mostrato un volto finora nascosto dei catalani, con alcuni giocatori che hanno offerto un rendimento davvero inferiore alle attese ed anche a quello che avevano fatto vedere in regular season.

Here is the first point discovered by the Catalans, who have suffered greatly from the snares of the Russians, with the same coach Jasikievicius who at times seemed literally taken to school by his colleague; but what can be remedied in a series does not forgive in a straight match such as the semi-final, where there is no time to make mistakes twice in a row, and where Messina’s greater experience can be a determining factor. Even in terms of individual performance, the playoffs have shown a hitherto hidden face of the Catalans, with some players offering a truly lower performance than expected and also what they had shown in the regular season.

Mirotic, certo, che con 8.6 punti di media e 7.6 di valutazione è sembrato il cugino spurio del giocatore dominante che avevamo visto in stagione, ma anche i vari Abrines, Oriola e Claver sono stati ampiamente al di sotto del loro standard; Gasol sicuramente sta pagando le difficoltà di rientrare dopo un lungo stop e di adattarsi ad un campionato diverso, ma ci è sembrato che sia la squadra nel suo complesso ad avere problemi nell’affrontare questi playoff, come se ci fosse quasi la paura o il disagio nell’essere i favoriti d’obbligo. Sicuramente non possono bastare le buone medie di Davies, di Higgins, le bombe di Kuric e gli assist di Calathes per arrivare fino in fondo, perchè a questo livello contano i dettagli e tutto quello che ognuno può aggiungere; ed ogni particolare può essere decisivo.

Mirotic, of course, who with 8.6 average points and 7.6 ratings seemed to be the spurious cousin of the dominant player we had seen this season, but also the various Abrines, Oriola and Claver were far below their standard; Gasol is certainly paying for the difficulties of returning after a long stop and adapting to a different championship, but it seemed to us that it is the team as a whole that has problems in facing these playoffs, as if there was almost fear or discomfort. in being the obligatory favorites. Surely the good averages of Davies, of Higgins, the bombs of Kuric and the assists of Calathes cannot be enough to get to the bottom, because at this level the details and everything that everyone can add count; and every detail can be decisive.

In questo senso l’esperienza di Messina può rivelarsi decisiva, specie per interpretare e possibilmente volgere a suo favore quella che a nostro parere è la chiave di lettura della sfida, ovvero la fisicità, la stazza e la potenza dei lunghi del Barca ( Davies, Claver, Mirotic, Oriola, Gasol ) contro la tecnica e la precisione degli esterni di Milano ( Rodriguez, Delaney, Punter, Shields, Datome ).Limitare i danni nel pitturato è l’imperativo per Milano, fermare il gioco perimetrale milanese è quello del Barca. In mezzo a questo ci sta una miriade di variabili, ma sempre a nostro modo di vedere conta tantissimo la voglia di vincere, e quello che si fa per vincere: qui non c’è dubbio che Kyle Hines sia il vero dominatore dell’Eurolega moderna, e vederlo agire anche da playmaker testimonia quale e quanto sia la sua duttilità e la voglia di mettersi in discussione e di migliorarsi pur di vincere.

n this sense, the Messina experience can prove to be decisive, especially to interpret and possibly turn in his favor what in our opinion is the key to reading the challenge, namely the physicality, the size and the power of Barca’s longs (Davies, Claver, Mirotic, Oriola, Gasol) against the technique and precision of the Milan exteriors (Rodriguez, Delaney, Punter, Shields, Datome). Boat. In the midst of this there is a myriad of variables, but always in our view the desire to win counts a lot, and what you do to win: here there is no doubt that Kyle Hines is the true ruler of the modern Euroleague. , and seeing him also act as a playmaker testifies to what and how much his flexibility and the desire to question himself and improve himself in order to win.

Per ultimo spunto, mentre Milano arriva a Colonia dopo aver sofferto le pene dell’inferno contro il Bayern, ma ci arriva rafforzata e con l’autostima al massimo, al contrario il Barca ci arriva con le vele sgonfie e con tante domande che frullano nella mente di giocatori e staff, con poche certezze e molti dubbi.Ripulire e rimettere a nuovo tutti i complessi ingranaggi della sua squadra è il vero lavoro che attende Jasikievicius, chiamato ad essere non più la sorpresa che fu lo Zalgiris in Final Four ma la guida sicura di una ammiraglia varata con ambizioni assolute.

Lastly, while Milan arrives in Cologne after suffering the pains of hell against Bayern, but arrives strengthened and with maximum self-esteem, on the contrary Barca arrives with deflated sails and with many questions that blend in the mind of players and staff, with few certainties and many doubts.Cleaning and refurbishing all the complex gears of his team is the real job that awaits Jasikievicius, called to be no longer the surprise that was the Zalgiris in Final Four but the guide sure of a flagship launched with absolute ambitions.

Happy

Happy

0 %

Sad

Sad
50 %

Excited

Excited
50 %

Sleepy

Sleepy

0 %

Angry

Angry
0 %

Surprise

Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Rispondi