Eurolega:Milano arriva alla terra promessa…ma c’è la corazzata Barca ad attenderla…l’Efes col CSKA in cerca di rivincita

0 0
Read Time:7 Minute, 17 Second

L’ Armani Exchange arriva dopo 30 anni alla terra promessa di Colonia e lo fa con una gara 5 incredibile, prima dominata e poi letteralmente gettata al vento in un ultimo minuto di totale follia cestistica, salvo poi venire salvata da due giocate pazzesche del suo totem Hines. Per arrivare a queste Final Four Milano deve battere un Bayern incredibile, capace di resistere anche quando la tempesta perfetta viene portata in campo dal Re di Danimarca Shavon Shields, che con 34 punti sostiene, assieme a Delaney l’attacco dei milanesi.

The Armani Exchange arrives after 30 years in the promised land of Cologne and does so with an incredible race 5, first dominated and then literally thrown to the wind in a last minute of total basketball madness, only to be saved by two crazy plays of its totem. Hines. To get to these Final Four, Milan must beat an incredible Bayern, capable of resisting even when the perfect storm is brought onto the pitch by the King of Denmark Shavon Shields, who with 34 points supports, together with Delaney, the Milanese attack.

Più volte la squadra di Trinchieri sembra sul punto di arrendersi, di crollare, ma si trova ancora, nonostante tutto, in mano la palla per vincere partita e serie a pochi secondi dalla fine; se proprio volessimo sprecare un paragone impegnativo, questo Bayern ricorda il Maccabi che nel 2014 eliminò proprio Milano ai playoff e poi vinse l’Eurolega battendo il favorito Real Madrid, un Maccabi che dava sempre l’impressione di cedere ma poi non moriva mai, una squadra solida, quadrata, con una forza mentale incredibile. Ci vuole tutta l’esperienza di un giocatore come Hines per bloccare l’ultima entrata di Baldwin, costringerlo alla palla e due, vincerla e mettere il pallone in mano a Shields, ci vuole un sistema squadra perfetto , dove ognuno dà un contributo concreto per vincere in volata una gara 5.

Several times Trinchieri’s team seems on the point of giving up, of collapsing, but despite everything, they still find themselves holding the ball to win the game and the series a few seconds from the end; if we really wanted to waste a challenging comparison, this Bayern recalls Maccabi who in 2014 eliminated Milan in the playoffs and then won the Euroleague by beating the favorite Real Madrid, a Maccabi who always gave the impression of giving up but then never died, a solid, square team with incredible mental strength. It takes all the experience of a player like Hines to block Baldwin’s last entry, force him to the ball and two, win it and put the ball in Shields’ hand, it takes a perfect team system, where everyone makes a concrete contribution to win a sprint race 5.

E’ esercizio inutile voler cercare meriti e demeriti dei singoli, perchè al di là dei protagonisti di giornata alle spalle c’è un lavoro di mesi, ci sono fatica, impegno e studio di giocatori e staff, impegno anche nel gestire giocatori che hanno magari passato la trentina e che dal punto di vista fisico hanno bisogno di programmi specifici.

It is a useless exercise to want to look for the merits and demerits of the individuals, because beyond the protagonists of the day behind them there is a work of months, there is fatigue, commitment and study of players and staff, commitment also in managing players who have past thirty and that from a physical point of view they need specific programs.

Come ha giustamente fatto rilevare Trinchieri, al Bayern è forse mancato quel pizzico di esperienza che è invece stato il valore aggiunto di Milano: detto questo, è da rimarcare la stagione e la serie pazzesca giocate dai bavaresi, e molto del merito va ascritto al coach ed al suo staff.

As Trinchieri rightly pointed out, Bayern may have lacked that pinch of experience that was instead the added value of Milan: having said that, the season and the crazy series played by the Bavarians should be noted, and much of the credit goes to the coach. and his staff

In semifinale Milano troverà il Barca, che contrariamente ai pronostici ha battuto lo Zenit solo in gara 5, con una vittoria sì rotonda ,ma che non cancella assolutamente tutti i dubbi e le perplessità che i catalani si portano dietro, e dentro, dopo questa serie.

In the semifinal, Milan will find Barca, who, contrary to predictions, beat Zenit only in race 5, with such a round victory, but which absolutely does not erase all the doubts and perplexities that the Catalans carry with them, and inside, after this series. .

Una serie nella quale solo l’enorme qualità del suo roster ha salvato il Barca, specie in gara 2 vinta al supplementare, ma più volte la corazzata catalana è,stata portata a scuola dai russi, dando l’impressione di non capirci proprio nulla, iniziando dal suo coach, quel Jasikievicius che era reduce dall’aver dominato la regular season. Approfondiremo in seguito le due semifinali, ma questo Barca, pur fortissimo, non è assolutamente ingiocabile, anzi…..quello che è riuscito allo Zenit può essere replicato anche a Colonia.

A series in which only the enormous quality of its roster saved Barca, especially in race 2 won in overtime, but several times the Catalan battleship was brought to school by the Russians, giving the impression of not understanding anything at all. starting with his coach, that Jasikievicius who was just back from having dominated the regular season. We will deepen the two semifinals later, but this Barca, although very strong, is absolutely not unplayable, on the contrary ….. what he managed at Zenit can also be replicated in Cologne

Nell’altra semifinale si affrontano CSKA ed Efes, con i russi che sono gli unici ad aver passato i quarti in 3 gare, anche se contro un Fener decimato dagli infortuni e dal covid 19. La sola indicazione che possiamo trarre sui russi è la frase di Itoudis, chiaramente riferita a Mike James, che non si possono fare sconti sull’etica: del lavoro, o dei comportamenti dentro o fuori del campo, comunque un chiaro segnale che i moscoviti sono forse gli unici che arrivano a Colonia con più certezze che dubbi.

In the other semifinal CSKA and Efes face off, with the Russians who are the only ones to have passed the quarterfinals in 3 matches, even if against a Vader decimated by injuries and Covid 19. The only indication we can draw on the Russians is the sentence of Itoudis, clearly referring to Mike James, that you cannot discount ethics: of work, or of behavior on or off the pitch, however a clear signal that Muscovites are perhaps the only ones who arrive in Cologne with more certainties than doubts.

Opposti a loro i turchi dell’Efes, costretti anche qui contro ogni pronostico a gara 5 dal Real Madrid, un Real incredibile, capace di restare in partita fino alla fine con una squadra rimaneggiata, fatta da grandi vecchi e da un manipolo di ragazzini terribili, che Pablo Laso getta nella mischia senza problemi rischiando davvero di espugnare Istanbul e di approdare a Colonia. Anche qui al momento decisivo è l’esperienza di Singleton a portare in salvo la truppa di Ataman, che per inciso abbiamo visto abbastanza a disagio nel ruolo dell’alunno del coach madridista….

Opposing them the Efes Turks, forced here again against all odds in Game 5 by Real Madrid, an incredible Real, able to stay in the game until the end with a remodeled team, made up of great old men and a handful of terrible kids , which Pablo Laso throws into the fray without any problems, really risking conquering Istanbul and landing in Cologne. Here, too, at the decisive moment, it is Singleton’s experience that brings Ataman’s troop to safety, which incidentally we have seen quite uncomfortable in the role of the Madrid coach’s pupil ….

Il fattore esperienza in questo caso è stato unito alla profondità del roster turco, ma tutte le certezze e la baldanza dell’Efes ingiocabile per tutti si sono dissolte come neve al sole, e ci sarà un grosso lavoro a livello mentale che aspetta Ataman. La strada per Colonia è appena iniziata, ma vorremmo bruciare i tempi, essere già a fine maggio per godere di queste Final Four che dopo 30 anni tornano a parlare milanese.

The experience factor in this case has been combined with the depth of the Turkish roster, but all the certainties and boldness of the Efes unplayable for all have dissolved like snow in the sun, and there will be a big mental work awaiting Ataman. The road to Cologne has just begun, but we would like to burn the times, to be already at the end of May to enjoy these Final Four which after 30 years are back to speaking Milanese.

Happy

Happy

0 %

Sad

Sad
0 %

Excited

Excited
0 %

Sleepy

Sleepy

0 %

Angry

Angry
0 %

Surprise

Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Rispondi