EUROLEAGUE TRADES 6: tormenti sul Bosforo, e la Francia sogna in grande….

0 0
Read Time:3 Minute, 2 Second

Estate tormentata assai quella ad Istanbul, sponda Fener, proprio quando sembrava che tutto fosse risolto per il meglio, dopo una campagna acquisti sontuosa condotta sotto la regia del confermato coach Kokoskov.

Peccato che nel frattempo il coach serbo, reduce dall’inattesa e dolorosa eliminazione dal PreOlimpico, e per mano dell’Italia sia caduto in una spirale di tormenti che lo sta portando ad accettare la proposta dei Dallas Mavericks che lo vorrebbero come assistente in NBA, per potersi così riunire al suo pupillo Luka Doncic, insieme al quale aveva vinto con la Slovenia l’ultimo Europeo.

La metà di luglio non è esattamente il periodo più indicato per farsi prendere da dubbi e tormenti, per chi fa di mestiere l’allenatore di basket, specialmente se il roster ti è stato costruito ad immagine e somiglianza di tutti i desideri espressi e con discreto impegno economico; la dirigenza del Fener non è certo stata felice nell’apprendere delle turbe del suo coach, ed ha promesso una soluzione rapida alla situazione, in modo da alleviare lo stress e la pressione del povero Kokoskov, schiacciato dal peso della sconfitta con l’Italia ( peccato mortale per chiunque sia nato nei confini dell’ex Jugo ) e dalle aspettative sempre alte che regnano ad Istanbul.

La soluzione in realtà ha due facce: quella esterna, sempre serba ma anche un pò italiana di Sale Djordjevic e quella turca di coach Erdem Can, che sarebbe in pole position secondo il sempre ben informato insider lituano Donatas Urbonas.

In attesa dei fuochi d’artificio sul Bosforo spostiamoci in Francia, dove l’Asvel targato Tony Parker non nasconde le mire di grandeur e sta allestendo un roster tutt’altro che disprezzabile, anzi…..

Persi Yabusele, Fall e Cole, tutti approdati in altri lidi i francesi hanno subito riconfermato Diot e David Lighty, per poi andare a cacia di giocatori di solida esperienza europea e di altrettanto solido rendimento in campionati europei di alto livello: la power forward Osetkowski , l’ala Morgan, e dal Maccabi il play Jones e poi il colpo a sorpresa, quel Kostas Antetokounmpo ex Lakers che in Eurolega promette davvero tanto.

E davvero tanto promette questo Asvel, fermatosi sulla soglia della zona nobile la scorsa stagione ma decisamente in corsa quest’anno per i piani alti della classifica.

E nel campionato francese gioca anche una delle due matricole di questa stagione, quel Monaco che è stato capace di prendersi l’Eurocup a Kazan, in trasferta, e che saggiamente ha riconfermato il suo coach Mitrovic , non a caso ex Asvel, e che costruendo un roster solido, con riconferme ed innesti di qualità come Danilo Andjusic, serbo top scorer in Francia e ultimo ad arrendersi alla finale del preolimpico, giocatore di grande potenzialità realizzativa ed esperto.

Ma per ultimo teniamo due grandi colpi di mercato di oggi: il primo è che il Barca ha preso dallo Zalgiris il giovane playmaker Rokas Jokubaitis, 20 anni, lituano, un grandissimo prospetto alla corte di Jasikievicius, per non lasciare proprio niente di intentato nella corsa al titolo.

Il secondo viene da Mosca, ed è la notizia che Kevin Pangos dallo Zenit è approdato al CSKA, per rilanciare ancora più in grande le ambizioni dei moscoviti e per rendere chiaro a tutti che dovranno fare i conti col CSKA.

Questa operazione finisce poi per mettere ancor più sulla graticola Mike James, che è ancora sotto contratto e che dovrà per forza trovare un contratto NBA oppure transare il suo contratto coi russi; in ogni caso si dovrà presentare a Mosca per risolvere la questione, ritenendo escluso che per lui possa esserci ancora posto alla corte di Itoudis.

E per questa ed altre nuove storie di basket…..stay tuned!!!!

Happy

Happy

0 %

Sad

Sad
0 %

Excited

Excited
0 %

Sleepy

Sleepy

0 %

Angry

Angry
0 %

Surprise

Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Rispondi