0 0
Read Time:58 Second

Il presidente di Cantù ha spiegato la svolta alla guida tecnica: “La società si è assunta le proprie responsabilità, lo facciano anche i giocatori”.

Esonerato un allenatore esperto come Cesare Pancotto, Cantù si è affidata ad un altro “manico” navigato come Piero Bucchi per provare ad uscire dalla crisi che ha portato i brianzoli al penultimo posto della classifica dopo quattro sconfitte consecutive.

Prima della presentazione del nuovo coach a prendere la parola è stato il presidente Roberto Allievi, che ha usato una metafora ad effetto, ma molto significativa: “Vorrei chiarire che Bucchi non arriva per partecipare al nostro funerale, bensì per procedere a una sorta di nuovo battesimo”.

È seguito un appello molto chiaro alla squadra: “Ho parlato ai giocatori mettendoli di fronte alle proprie responsabilità dimostrando che le aspettative concrete che avevamo e che continuiamo ad avere sono ancora ben riposte – ha detto Allievi – Il club è al loro fianco, ma ora le cose devono cambiare e gli obiettivi che ci eravamo posti non vanno certo persi per strada. A quei 2/­3 con maggior esperienza chiediamo che diventino effettivamente le guide di un gruppo molto giovane”.

fonte:omnisport virgilio.it

Happy

Happy

0 %

Sad

Sad
0 %

Excited

Excited
0 %

Sleepy

Sleepy

0 %

Angry

Angry
0 %

Surprise

Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Rispondi